L’Unione Europea comincia a lavorare alle leggi sul gioco online

L'Unione Europea comincia a lavorare alle leggi sul gioco onlineMolti operatori di casinò online hanno aspettano da anni che la Commissione Europea risponda alle lamentele riguardo alle nazioni europee che avrebbero approvato leggi sul gioco d’azzardo accusate di essere protezionistiche. La maggior parte delle proteste riguardano leggi nazionali che impediscono il libero movimento di servizi all’interno di tutti i paesi membri dell’Unione Europea. Recentemente la commissione europea ha finalmente deciso di muoversi contro sette paesi dell’Unione Europea come prima risposta alle proteste raccolte nel tempo. In totale gli stati oggetto delle proteste sono più di venti.
Ci sono stati molti casi aperti contro paesi che hanno approvato leggi tese a proteggere i loro operatori di casinò online contro la concorrenza di aziende straniere. In alcuni casi queste leggi difendono gli interessi di vari operatori privati con sede entro i confini nazionali, in altri vengono assegnati privilegi a monopoli di stato che non sono estesi alle aziende straniere. In Belgio il governo aggiorna continuamente una liste nera di tutti i casinò a cui è proibito offrire i propri servizi ai cittadini belgi (vedi l’articolo: Cresce la lista nera dei casinò in Belgio), ma il Belgio non è il solo paese europeo che richiede agli operatori di casinò online di possedere una licenza locale per il gioco d’azzardo anche in caso ne abbiano già una riconosciuta dall’Unione Europea. Problemi simili sono stati rilevati in Grecia e anche il monopolio di stato OPAP ha ottenuto dei privilegi su tutti gli altri operatori. In precedenza, quest’anno, l’Associazione Europea per il Gioco d’azzardo e le Scommesse e l’Associazione per il Gioco online si sono unite per protestare con la Commissione Europea riguardo al protezionismo sul gioco d’azzardo online in Grecia.Sia l’Associazione Europea per il Gioco d’azzardo e le Scommesse che l’Associazione per il Gioco online si sono dette felici che la Commissione Europea abbia finalmente fatto qualcosa contro i paesi che potrebbero aver violato la legge. Tuttavia l’Associazione per il Gioco online ha fatto sapere che è delusa dal fatto che nessun’altra nazione siano state portate davanti alla corte europea, nonostante ci siano prove sufficienti per giustificare un simile atto.

I paesi che a cui sono state rivolte recentemente le lettere di notifica da parte della Commissione Europea per infrazioni contro le leggi europee sono: Belgio, Romania, Polonia, Cipro, Lituania e Repubblica Ceca. La Svezia ha ricevuto due richieste per modificare le sue leggi sul gioco d’azzardo in modo da portarsi in linea con le leggi europee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *