Nuovi sviluppi per il gioco d’azzardo a Malta

Nuovi sviluppi per il gioco d'azzardo a MaltaLa giurisdizione di Malta è nota per il suo ruolo di primo piano nell’emissione di licenze per il gioco d’azzardo. Le regolamentazioni in vigore a Malta sono considerate tra le più avanzate in circolazione, sia per quel che riguarda l’industria dei casinò terrestri che per quel che concerne il gioco online. L’autorità per le lotterie e il gioco d’azzardo sovraintende a tutte le attività legate al gioco d’azzardo operate a Malta.
La legislazione dell’isola è tenuta in gran considerazione e i controlli sono molto attenti. Già nel 2001 il governo maltese riconobbe la necessità di regolamentare il gioco d’azzardo. Il paese fu anche il primo a legiferare sul gioco d’azzardo, in accordo con il trattato dell’Unione Europea. Nel 2004 Malta fu il primo paese europeo a legalizzare il gioco online e da allora gli investimenti giunti da parte delle maggiori aziende del settore hanno permesso la creazione di oltre 7000 posti di lavoro, che si aggiungono ai 2000 già prodotti dal gioco d’azzardo operato sul territorio nazionale.
Inoltre ora Malta avrà presto un nuovo primato, secondo quanto annunciato nel corso della decima conferenza dell’autorità per le lotterie e il gioco d’azzardo. Diverrà infatti il primo paese dell’Unione Europea a permettere l’attività dei casinò sulle navi da crociera che navigano entro le sue acque territoriali. La decisione di permettere il gioco d’azzardo entro le acque territoriali è stata presa per incoraggiare l’industria delle navi da crociera a sviluppare ulteriormente le sue attività a Malta e per fornire una buona ragione alla navi per fermarsi di notte presso i porti dell’isola.Un ulteriore innovamento per il 2013 arriverà dal fatto che Malta avrà la prima giurisdizione a regolamentare i giochi online a premi. Il settore riceverà le dovute licenze e sarà supervisionato dalla commissione per le lotterie e il gioco d’azzardo. Questo annuncio è stato confermato anche dal ministro per le finanze maltese Tonio Fenech alla recente conferenza dell’autorità per le lotterie e il gioco d’azzardo.Il governo maltese istituirà inoltre la “Malta Digital Entertainment Foundation” che lavorerà con il settore privato affinché le nuove iniziative ricevano il dovuto appoggio e che promuoverà Malta quale obiettivo primario per gli investimenti del gioco digitale e del gioco online.

Nuove qualifiche in i-Gaming dall’Isola di Man

Nuove qualifiche in i-Gaming dall'Isola di ManL’Isola di Man è molto nota per avere una delle più avanzate giurisdizioni relative al gioco d’azzardo online, al pari di Malta, Gibilterra e Alderney. Nel 2001 l’isola ha adottato uno dei primi sistemi legali a imporre una legislazione in favore del gioco d’azzardo e dell’industria del gioco online. Quest’ultima provvede al cinque percento dell’economia dell’isola e dà lavoro a oltre 750 persone.
Quale risultato della difficile contingenza economica, il settore è stata una risorsa di posti di lavoro anche per chi proveniva dall’industria finanziaria ed aveva dovuto affrontare la disoccupazione. Si tratta di lavori inerenti al servizio clienti e all’area finanziaria dell’industria del gioco d’azzardo. Ora un recente sviluppo della situazione sull’Isola di Man riguarda l’istituzione di una qualifica professionale in i-Gaming.Questa qualifica post-universitaria verrà proposta a partire da gennaio 2013 e sarà fornita dall’Isle of Man College of Further and Higher Education. Si tratta del primo corso in i-Gaming mai proposto a questo livello.
La qualifica post-universitaria è stata studiata in collaborazione con l’Università di Chester e comprende un aspetto costituito dalla pratica professionale e un altro di studio teorico post-universitario. Tale qualifica si appoggia sui progetti di i-Gaming dell’isola e punta a fornire personale altamente qualificato al mercato del gioco online. Il corso verrà realizzato con l’aiuto di esperti locali del gioco online e si adatterà con il tempo alle successive innovazioni dell’industria dell’i-Gaming. All’inizio dell’anno prossimo sarà disponibile solamente un corso di studio post-universitario, ma ci si augura che in futuro verrà offerto anche un corso di diploma.Dal 2006 l’industria del gioco d’azzardo online dell’Isola di Man si è ingrandita notevolmente e sono molte le aziende leader del gioco online che detengono licenze per il gioco d’azzardo emesse sull’Isola di Man, tra cui anche la Paddy Power Holdings Ltd. Al momento vi sono 45 possessori di licenze per il gioco d’azzardo online dell’Isola di Man registrati sul sito governativo dell’isola. Le licenze sono conferite dalla Commissione per la Supervisione del Gioco d’Azzardo dell’Isola di Man e sono concesse dopo un periodo amministrativo relativamente breve non superiore ai tre mesi. 

Tuttavia i requisiti per ottenerne una sono molto severi e ulteriori licenze vengono elargite solo sulla base di un piano commerciale preciso, unitamente alla presenza fisica sull’isola dove l’azienda deve anche avere la propria sede finanziaria. La nuova qualifica in i-Gaming fornirà un bacino di professionisti altamente qualificati per il mercato del gioco online dell’isola.

Bally Technologies e i casinò della Mohegan Sun insieme per iGaming

Bally TechnologiesLa Bally Technologies fornirà ai casinò della Mohegan Sun di Uncasville nel Connecticut e di Wilker Barre in Pennsylvania la sua piattaforma iGaming. La Mohegan Sun è giunta a questa decisione dopo svariati mesi passati a riflettere sulla loro prossima mossa nel mondo del gioco online.
L’azienda ritiene che i giocatori, dopo aver sperimentato gli eccellenti prodotti disponibili tramite la piattaforma iGaming della Bally Technologies quando impossibilitati dal frequentare i casinò reali, saranno incoraggiati a frequentare i casinò terrestri della Mohegan Sun alla prossima occasione utile.Bally Technologies, la cui sede è a Las Vegas, è un’azienda leader nel mondo nel campo del gioco d’azzardo online. Produce, sviluppa e distribuisce sistemi di gioco e soluzioni tecnologiche. Fornisce ai suoi clienti slot machine, slot machine video e progressive, giochi per internet e piattaforme, oltre a strumenti manageriali per casinò.Sin dal 1996, la tribù Mohegan ha gestito il Mohegaun Sun Resort and Casino nel Connecticut, il secondo casinò per dimensioni degli Stati Uniti. Il casinò è dotato di oltre 3000 slot machine e 180 giochi da tavolo tradizionali. La speranza della tribù è che con la fornitura di poker online da giocare liberamente tramite la piattaforma della Bally Technologies, i giocatori di internet saranno incoraggiati a fare visita al casinò terrestre e ai suoi hotel, ristoranti, centro congressi, teatro e negozi.

Molti stati americani stato pensando di varare una propria legislazione riguardo al gioco online, dal momento che il processo di normativizzazione federale sembra muoversi molto lentamente. Il governatore del Connecticut D. Molloy è favorevole al gioco d’azzardo su internet, e mentre coloro coinvolti nel gioco d’azzardo terrestre e online attendono una regolamentazione, aziende come la Mohegan Sun saranno in grado di proporre poker online da giocare liberamente. Bally Technologies è il primo produttore iGaming e fornitore di servizi a cui sia stata concessa una licenza negli Stati Uniti.

 

La piattaforma open di iGaming dell’azienda permetterà ai casinò della Mohegan Sun di scegliere il miglior contenuto tra quelli messi a disposizione da diversi fornitori. Questa piattaforma offre poker, video slot machine, scommesse sportive, giochi di casinò e può essere utilizzata per giocare in contesti social e mobile.

Grande successo per le slot machine del Resorts World New York

Resorts World New York CityL’unico casinò di New York City, il Resorts World Casino New York City, sta avendo forti conseguenze sui casinò degli stati confinanti. Questo fatto è dovuto a diverse ragioni, tra cui la dislocazione del casinò nel Queens che permette ai giocatori di raggiungerlo facilmente tramite un’ampia scelta di trasporti urbani.
Un’altra ragione consiste nel fatto che il Resorts World Casino gode attualmente del più alto profitto per slot machine degli Stati Uniti, superando le entrate di tutti casinò di Atlantic City.
Il Resorts World Casino è stato inaugurato nell’autunno del 2011 dal gruppo Genting. Il casinò è dotato di oltre 4500 slot machine elettroniche e quasi 500 giochi da tavolo elettronici, compresi il baccarà, la roulette e i dadi. Non vi sono croupier in carne e ossa, poiché questo è vietato dalla legge statale in materia di gioco d’azzardo. Il Resorts World è posto sul percorso della pista per cavalli da corsa Aqueduct ed è facilmente raggiungibile da un’ampia parte della popolazione, anche da chi per giocare preferisce non dover viaggiare lontano e restare nelle vicinanze. In appena un anno il casinò ha già raggiunto il suo milionesimo cliente. Durante questi dodici mesi di attività il Resorts World Casino ha prodotto oltre 600 milioni di dollari di incasso con le slot machine. Il ricavato medio ottenuto da ognuna delle slot machine del Resorts World Casino si aggira attorno a 200 dollari al giorno in più rispetto a una slot machine di Las Vegas.Lo stato di New York è stato lautamente beneficiato per quel che riguarda gli introiti derivanti dalle tasse grazie agli incassi estremamente elevati delle slot machine del Resorts World. Il tasso di imposta applicato alle aziende di slot machine è il più alto della nazione: circa il 60 percento. La maggior parte dei ricavati di queste tasse sulle slot machine viene speso nell’educazione. Anche l’economia locale ha goduto di alcuni vantaggi, dal momento che il casinò impiega all’incirca 3000 persone.Il successo del Resorts World Casino nell’attrarre giocatori provenienti da New York e dalle zone circostanti sta avendo effetti dannosi sui casinò di Atlantic City e del Connecticut, e anche sulle proporzioni degli incassi di altre strutture da gioco, corse e slot machine rivali. Le entrate dei casinò ad Atlantic City sono calate di circa un terzo nel corso dell’ultimo anno e il resort Mohegan Sun Casino nel Connecticut ha ridotto il suo personale di 300 impiegati in seguito alla competizione con il Resorts World e alla congiunzione economica sfavorevole. Sono invece in crescita i profitti del Resorts World.

BwinParty spera di tornare negli Stati Uniti con il poker online

Bwin Party spera di tornare negli Stati Uniti con il poker onlineBwin Party è il risultato della fusione tra Bwin Interactive Entertainment e Party Gaming, ed è una delle aziende di poker online più grandi al mondo. Bwin Party Digital Entertainment ha sede a Gibilterra. Avendo dovuto ritirarsi dal mercato americano nel 2006, le sue attività sono ora concentrate in Europa.
Tuttavia l’azienda attende ora che il Congresso degli Stati Uniti deliberi sull’eventuale legge federale in materia di poker online per potersi rivolgere nuovamente al mercato americano.Bwin Party detiene il World Poker Tour, acquisito nel 2009, il sito di poker online PartyPoker.com, altri siti per le scommesse online e svariati casinò online che offrono alla clientela europea slot machine, bingo e giochi da tavolo, compresi roulette, blackjack e poker. L’azienda è quotata presso il London Stock Exchange.Prima che il Congresso americano varasse una legge per limitare il gioco d’azzardo online nel 2006, Party Gaming proponeva ai giocatori americani poker online con soldi veri. Dopo l’approvazione della legge, l’azienda ha abbandonato il mercato statunitense nonostante il grave impatto che questa scelta avrebbe causato. Quasi l’80 percento delle transazioni dell’azienda avevano infatti luogo negli Stati Uniti.

 

Siccome aveva deciso di rientrare legalmente nel mercato americano non appena la legislazione sul gioco online fosse cambiata, Party Gaming si è accordata con le autorità americane e nel corso di quattro anni ha pagato una multa di oltre 100 milioni di dollari. In questo modo l’azienda si è assicurata che non sarebbe stata incriminata in futuro e che le sarebbe stato concesso di entrare nel mercato americano del poker online una volta passata la legge.

Il problema delle aziende come Bwin Party che desiderano entrare o rientrare nel marcato del gioco d’azzardo degli Stati Uniti consiste nel fatto che al momento non esiste ancora una legge federale al riguardo. Jim Ryan, uno degli amministratori a capo di Bwin Party, ha affermato che la sua azienda è pronta a entrare nel mercato su scala statale, se questo è il vincolo per ammettere il poker online in assenza di una legge federale. In attesa che le normative si adeguino, Bwin Party ha stipulato degli accordi commerciali con altre aziende americane del settore per operare congiuntamente delle sale da poker online.

Inferiori alle previsioni gli incassi del gioco d’azzardo a Macao

Inferiori alle previsioni gli incassi del gioco d'azzardo a MacauNonostante le previsioni di una crescita sostenuta negli incassi del gioco d’azzardo, i dati per Macau a settembre erano inferiori alle aspettative degli analisti. I casinò di Macao attraggono folle enormi di giocatori provenienti dall’entroterra cinese poiché questa regione amministrativa è la sola area del paese dove il gioco d’azzardo sia stato legalizzato.
C’è stata una crescita molto sostenuta nel mercato dei casinò di Macao negli ultimi anni, con investimenti in lussuosi resort-casinò da parte dei principali contributori all’industria del gioco d’azzardo, quali la SJM Holdings, l’azienda di Stanley Ho, la Wynn, che invece ha sede a Las Vegas, e i gruppi Sands e MGM Grand, solo per citarne alcuni. Considerata la situazione economica globale e il rallentamento della crescita in Cina, si prevedeva che per qualche tempo anche la crescita dell’industria dei casinò di Macau avrebbe rallentato.Le aspettative nei confronti di un rallentamento negli incassi dei casinò era in parte dovuto al fatto che gli incrementi nelle entrate fino all’anno scorso sono stati enormi, e in parte al calo del potere d’acquisto per la maggior parte dei clienti cinesi dei casinò. Ciononostante, e sebbene a settembre gli incassi siano saliti del 12.3 percento, tale crescita rimane al di sotto delle stime di circa il 5 percento.
Con circa 3 miliardi di dollari, i dati di settembre erano al penultimo posto per il 2012. Si è registrato un calo nelle entrate del gioco d’azzardo degli ultimi cinque mesi circa. L’economia di Macau si appoggia in gran parte sugli incassi dei suoi casinò e questa industria provvede a circa il 40 percento del prodotto interno lordo della regione. Il governo di Macao ha tentato recentemente di diversificare le sue fonti di guadagno e i resort-casinò in fase di progettazione devono far originare una grossa parte dei loro incassi da intrattenimenti diversi dal gioco d’azzardo per aggiungere attrattiva a Macao per i turisti.Con poco oltre il 12 percento, i profitti del gioco di settembre superavano quelli di agosto 2012 del 5.5 percento. Durante il mese di agosto si è registrato un calo nel flusso di visitatori rispetto ad agosto 2011. Anche tenendo in considerazione tutto ciò, Macao continua a registrare oltre cinque volte l’incasso del gioco d’azzardo di Las Vegas e in quanto a destinazione per giocatori incalliti ha largamente soppiantato Las Vegas. In ogni caso, gli analisti prevedono un aumento dei profitti per Macao a ottobre.

Calano gli incassi di Atlantic City nel mese di settembre

Calano gli incassi di Atlantic City nel mese di settembreNonostante le speranze che l’apertura del nuovo casinò Revel potesse portare ad un incremento del mercato del gioco d’azzardo in città, gli incassi totali sono scesi del 12.10 percento, senza contare quelli provenienti dal Revel. Se confrontati con le entrate del gioco nel settembre 2011, i dodici casinò terrestri di Atlantic City hanno mostrato un calo di oltre il 6 percento.
Da quando è stato inaugurato ufficialmente a Maggio di quest’anno, il casinò Revel è sempre rimasto fino a settembre all’ottavo posto per incassi tra i dodici casinò di Atlantic City. Il mese scorso le entrate del gioco d’azzardo sono ammontate a quasi 17 milioni di dollari.
Il resort-casinò Revel ha dovuto superare molti ostacoli, soprattutto a livello finanziario, prima di poter essere completato. Questo resort con accesso alla spiaggia è costato 2.4 miliardi di dollari e ha ricevuto circa 300 milioni di dollari in incentivi statali unitamente all’appoggio del governatore di stato Christie. Il casinò dispone di quasi 2 500 slot machine e propone inoltre giochi da tavolo quali blackjack, roulette, dadi, baccarà e diverse modalità di poker. Il lussuoso resort comprende negozi, 14 ristoranti, piscine, una spa, teatri e nightclub.Ci si augurava che i forti giocatori sarebbero stati attratti dal Revel e che avrebbero così contribuito alla crescita del mercato cittadino del gioco d’azzardo. Fino ad ora non è stato così, e lo sfarzoso lusso del resort-casinò sembra invece rallentare il flusso di visitatori e giocatori. Alberghi costosi, il fatto che il fumo sia completamente bandito mentre altri casinò dispongono di aree fumatori e anche la mancanza di qualche ristorante a buon mercato si sono rivelate tutte ragioni a cui si devono i suoi incassi al di sotto delle aspettative. Le sue entrate sono calate del 15 percento in confronto ad agosto 2012.La Divisione per il Controllo sul Gioco d’Azzardo del New Jersey ha recentemente reso noti i dati che mostrano come le entrate di Atlantic City relative al gioco si attestino sui 276 milioni di dollari, in confronto ai 295 milioni di settembre 2011. Tutti i dodici casinò della città hanno dichiarato un calo degli incassi tranne uno, il Golden Nugget, che ha realizzato un incremento dell’8 percento rispetto all’anno scorso. Il calo di incassi più sostanzioso è avvenuto al Caesars Entertainment della Bally’s Casino, dove le entrate sono scese di poco oltre il 22 percento. E se è vero che i casinò terrestri di Atlantic City devono affrontare la competizione dei giochi online, questi dati comunque non riflettono le grandi aspettative avute per il Revel, il più recente casinò della città.

Lo stato del Nevada rilascia altre licenze per il poker online

Lo stato del Nevada rilascia altre licenze per il poker onlineCi sono forti novità per quel che riguarda l’industria del poker online in Nevada. A giugno la Commissione per il gioco d’azzardo del Nevada ha scritto la storia del poker online approvando il rilascio della prima licenza statunitense per il poker online. Queste prime due licenze sono state confermate ad aziende che producono e distribuiscono sistemi per il poker online a operatori internet.
Bally Technologies ha sede a Las Vegas e International Game Technologies ha sede a Reno. Le tre licenze più recenti sono state date a tre operatori di casinò in Nevada. Sia alla Station Casinos che alla Boyd Gaming Corporation e alla Golden Nuggets Casinos è stata data l’approvazione iniziale per gestire il poker online all’interno dello stato. Questo stesso mese ci si aspetta che le tre aziende riceveranno piena approvazione quando si riunirà la Commissione per il gioco d’azzardo del Nevada.
Per ottenere un licenze del Nevada è necessario rispettare il legge statale in fatto di giochi online. Perciò ogni nuovo possessore di licenza deve essere in grado di dimostrare che il suo sistema per il poker online sia capace di confermare che i giocatori si trovino effettivamente entro i confini dello stato e che hanno l’età necessaria per giocare. La loro effettiva presenza nello stato è importante in quanto il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha emesso una normativa alla fine del 2011 secondo la quale le transazioni tramite internet non legate a un “evento o gara sportiva” non sono tutelate dal Wire Act del 1961. Ha anche sentenziato che il gioco online attraverso i confini statali è contrario alla legge, ma alcuni stati lo hanno interpretato come a implicare che il gioco online entro i confini di stati dove il gioco d’azzardo è permesso non infrange la legge. I possessori di licenza in Nevada devono inoltre proteggere i giocatori dalla dipendenza del gioco d’azzardo e devono impedire frodi e riciclaggio di denaro.I tre più recenti soggetti interessati alle licenze per il poker online possono già notare i futuri benefici economici derivanti dal gioco. L’incasso annuale del Nevada proveniente dal poker in casinò tradizionali si aggira intorno ai 132 milioni di dollari e se c’è di mezzo anche il poker online questa cifra tende quasi a raddoppiare. Lo stato del Nevada trarrà beneficio dal contributo all’industria dei casinò anche tramite la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore delle tecnologie legate al poker online. 

La Boyd Gaming Corporation spera di incrementare la sua presenza di 30 o più impiegati. Il gruppo Station Casinos prevede di avere circa 100 persone al suo servizio a Las Vegas nel 2013, in confronto alle 25 che vi lavorano in questo momento. Anche la Golden Nugget Casinos si augura di assumere altro personale. Il poker online della Golden Nugget utilizzerà un software realizzato dalla Bally Technologies, la quale è stata una delle prima aziende a ricevere una licenza per il poker online del Nevada nel giugno del 2012.

Il governo greco venderà la monopolista del gioco d’azzardo OPAP

Il governo greco venderà la monopolista del gioco d'azzardo OPAPIn quanto parte dell’accordo con l’Unione Europea e il Fondo Monetario Internazionale, il governo greco dovrà vendere le sue controllate per raccogliere 19 miliardi di dollari entro il 2015. Questa vendita di società è una delle condizioni fondamentali nell’accordo per i 130 miliardi di euro prestati alla Grecia quest’anno. L’OPAP gestisce il monopolio di stato del gioco d’azzardo in Grecia ed è una delle più grandi aziende del settore in Europa nonché l’azienda statale più lucrosa del paese.
É di fondamentale importanze per il governo greco dimostrare il suo impegno verso la privatizzazione delle sue proprietà.L’OPAP deteneva il monopolio di stato per le scommesse sportive e altre forme di gioco, ma la legalità di questa situazione era stata messa in discussione di fronte all’Unione Europea dagli operatori del gioco d’azzardo stranieri a cui era stata rifiutata la licenza per svolgere le loro attività in Grecia. Vi sono delle dispute legali in corso a questo proposito avanzate da William Hill e dai gruppi di gioco online Stanley Bet e Sporting Bet. Anche tra gli operatori online in Grecia vi erano questioni riguardanti la tassazione favorevole della controllata OPAP. Nel corso dei prossimi mesi la Grecia dovrà decidersi anche su questi argomenti.La Commissione Europea ha permesso all’OPAP di conservare il suo monopolio su alcuni aspetti del gioco d’azzardo per gli anni a venire. Questo dovrebbe favorire la vendita delle azioni di stato dell’OPAP, ma l’imposizione di nuove tasse più elevate abbasserà i profitti influenzando la cessione. Una tassa del 30 percento sarà imposta sui profitti fino al 2020, dopodiché ci sarà un’imposta del 5 percento fino al 2030. La Commissione Europea ha permesso all’OPAP di continuare a gestire 13 diversi giochi di probabilità fino al 2030 e l’azienda conserverà anche il suo monopolio su oltre 35 000 terminali video della lotteria fino al 2020.Il governo della Grecia detiene il 34 percento di OPAP, che ha prodotto un profitto di 126 milioni di euro tra gennaio e giugno del 2012. Il piano iniziale prevedeva di vendere il 29 percento di questa proprietà, ma ora la vendita interesserà il 33 percento. OPAP vale circa 450 milioni di euro sul mercato greco. La data entro cui esprimere un interesse per l’azienda è il 19 ottobre. Lo sviluppo di un accordo si svolgerà in due parti: dopo che gli interessati avranno rilasciato una dichiarazione di interesse verrà loro chiesto di deporre un’offerta d’acquisto. Il governo greco spera di riuscire a vendere l’azienda entro l’inizio dell’anno prossimo.

Las Vegas Sands Corporation : progetto per un nuovo resort-casinò ispirato a Parigi

Parisian Casino MacauSheldon Adelson torna a far parlare di sé, questa volta con l’annuncio di progetti per la costruzione di un grande resort-casinò nell’area di Cotai a Macao. Adelson è tra i principali costruttori dell’area di Cotai, che è stata strappata al mare per diventare un’area di casinò e resort di lusso ispirati alla famosa “strip” di Las Vegas in seguito all’apertura del mercato del gioco d’azzardo a Macao nel 2002.
Macao è la sola regione in Cina dove il gioco d’azzardo sia legale. Il nuovo casinò sarà chiamato “Parisian” e sarà ispirato alla capitale francese, con tanto di copia della torre Eiffel che, con un’altezza di 160 metri, sarà costruita in scala 1:2 rispetto alla torre originale.Nonostante il recente rallentamento dell’economia cinese, Sheldon Adelson crede che ci sia il potenziale per una crescita sostanziale nell’industria del gioco d’azzardo a Macao. Gli incassi derivanti dal gioco a Macao hanno raggiunto quasi i 34 miliardi di dollari nel 2011 e hanno superato grandemente i guadagni del gioco d’azzardo a Las Vegas. Las Vegas Sands Corporation, di cui Sheldon Adelson è presidente e amministratore delegato, è uno dei sei soli operatori ad avere una licenza per casinò a Macao. Nella città l’azienda ha già costruito quattro resort-casinò.
Il suo Venetian Macao, il primo grande casinò ad aprire nel 2007, è il casinò più grande del mondo. È stato mentre era a Macao di recente per l’apertura di un altro hotel nella fase successiva del Sands Cotai Central resort-casinò che Sheldon Adelson ha annunciato i progetti per la costruzione del “Parisian”, i cui costi si aggirano tra i 2 e mezzo e i 3 miliardi di dollari. Il Parisian disporrà di circa 3 000 camere d’albergo, oltre a diverse centinaia di tavoli da gioco.Las Vegas Sands Corporation e Sands China, entrambe di Sheldon Adelson, sono state al centro dell’interesse dei media di recente a causa di alcune indagini da parte delle autorità americane a proposito di trasferimenti di denaro sospetti e di possibili infrazioni alle leggi anti-corruzione. Ciononostante l’azienda ha sempre negato ogni coinvolgimento in attività illegali. Il magnate americano dei casinò ha da poco annunciato l’intenzione di costruire il più grande resort-casinò d’Europa, “Euro Vegas” a Madrid, in Spagna.