La famiglia Ho aprirà un casinò in Russia

Lawrence HoLa Russia è stata molto cauta nell’aprirsi al gioco d’azzardo nei casinò. Nel 2009 le autorità russe hanno indicato quattro aree dove si potesse esercitare il gioco, quattro zone piuttosto lontane dai centri urbani del paese che non stanno ancora operando a pieno regime. La regione di Primorye si trova nella Russia dell’est, a circa 50 chilometri da Vladivostok. Si dice che il governatore di Primorye abbia ricevuto richieste da cinque diverse nazioni per la costruzione di casinò nella regione e ora pare che la famiglia Ho sarà autorizzata a costruirne uno.Lawrence Ho, figlio del magnate di casinò di Macao Stanley Ho, ha di recente firmato un contratto per costruire un casinò nella regione di Primorye.
Lawrence Ho è il direttore generale di Melco Crown Entertainment Ltd, mentre è stata l’azienda di cui detiene una quota, la Summit Ascent Holdings, ad aver sottoscritto l’accordo per l’apertura del più recente resort casinò russo. L’ubicazione della zona destinata al gioco d’azzardo a Primorye è di particolare interesse per Lawrence Ho, poiché si trova vicino al confine tra Russia e Cina e mostra del potenziale per l’espansione nel gioco da casinò che potrebbe attrarre sia giocatori russi che cinesi. I voli dalla capitale cinese a Vladivostok sono più rapidi di quelli diretti a Macao, dove la famiglia Ho ha stabilito la sua attività attraendo molti forti giocatori cinesi.Macao, dove il padre di Lawrence Ho, Stanley Ho, ha detenuto il monopolio del gioco per molti anni, fino a che il mercato non si aprì a operatori di casinò stranieri, ha superato Las Vegas in termini di incasso e di affluenza di giocatori verso i suoi molti casinò.

 

Macao attrae giocatori da tutta l’Asia e ovviamente anche dalla Cina, essendo la sola regione cinese dove il gioco d’azzardo è permesso. L’azienda di Lawrence Ho spera che i suoi resort porteranno molti giocatori cinesi, tra cui i tanto attesi forti giocatori, oltre a giocatori russi. Si spera che il nuovo casinò di Primorye verrà aperto prima della fine del 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *