La Corea del Sud rivede i suoi requisiti per attrarre investitori di casinò

La Corea del Sud rivede i suoi requisiti per attrarre investitori di casinòOltre dieci anni fa la Corea del Sud indicò diverse aree attorno all’aeroporto internazionale Incheon come zone economiche libere. Queste zone economiche furono disposte per attrarre investimenti stranieri. I casinò sono una costante di questi investimenti, perciò è stata una sorpresa quando l’estate scorsa il governo sudcoreano ha rifiutato una proposta da parte di due operatori internazionali di casinò per la costruzione di casinò nella zona economica libera vicino a Incheon.
Non vennero date ragioni precise per il rifiuto a Ceasers Entertainment, con sede a Las Vegas, e Universal Entertainment, con sede in Giappone, di investire nella Corea del Sud, ma si pensa che la causa furono delle considerazioni di natura finanziaria.Anche se il governo sudcoreano cercava apertamente investimenti stranieri, egli impose dei criteri molto severi per gli investitori e questo potrebbe essere il problema con Caesars Entertainment e Universal Entertainment. Tuttavia, di recente il governo fatto sapere che potrebbe rivedere le leggi sul gioco d’azzardo del paese per facilitare agli operatori internazionali di casinò di investire nelle zone economiche libere.
Questo potrebbe voler dire che i criteri verranno allentati e alla luce di ciò i due gruppi a cui erano stati rifiutati i permessi per costruire i casinò l’anno scorso hanno avanzato delle nuove proposte. Insieme al gruppo indonesiano Lippo Group, Caesars Entertainment ha formulato una nuova offerta e spera di creare un casinò da 2 miliardi di dollari vicino a Incheon. La giapponese Universal Entertainment ha mostrato l’intenzione di investire nella stessa area comprando delle proprietà. Un altro segno positivo è che il gruppo finanziario americano PNC Financial Services ha fatto un’offerta di oltre 6 miliardi di dollari per costruire un casinò, ma non si sa ancora chi andrebbe a operare tale complesso.Al momento è in costruzione un solo casinò integrato nella zona economica libera vicino all’aeroporto di Incheon. Questo complesso è il risultato di una collaborazione tra la giapponese Sega Sammy Holdings e il gruppo sudcoreano Paradise. Tuttavia con i recenti cambiamenti di posizione del governo potrebbe non volerci molto finché non si aggiungano anche altri casinò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *