Sheldon Adelson spera di ribaltare le posizioni del 2011 che consentono il gioco online

Sheldon adelson online casinoSheldon Adelson, il direttore di Las Vegas Sands che opera diversi importanti casinò terrestri negli Stati Uniti e in Asia, si è sempre opposto ai casinò online. I suoi piani erano nel 2013 erano di lavorare nel 2014 per ribaltare le opinioni del 2011 del Dipartimento di Giustizia che consentivano il gioco d’azzardo online all’interno degli stati.Nel 1961 il Wire Act, che proibisce qualunque comunicazione digitale tra stati che riguardi eventi sportivi o incontri, ha causato un po’ di confusione riguardo al gioco online.
Quando è stata resa pubblica la posizione del Dipartimento di Giustizia, è stato chiaro che il Wire Act del 1961 si riferisse alle scommesse sportive e non ai casinò o ai poker online. Ciò ha aperto la strada agli stati affinché approvassero le loro leggi per consentire il gioco online entro i propri confini. Fino ad ora solo tre stati hanno approvato le leggi necessarie: il Nevada, il Delaware e il New Jersey. Tuttavia molti altri stati stanno mostrando interesse nel sancire norme simili e Sheldon Adelson con la sua “Coalizione contro il gioco online” si sta impegnando contro la crescita dell’industria dei casinò online negli Stati Uniti (vedi l’articolo: Sheldon Adelson contro il gioco d’azzardo online).Di recente una bozza delle legge proposta da Adelson per cambiare la posizione del Dipartimento di Giustizia è comparsa in rete. La legge, intitolata “Internet Gambling Control Act” dovrà comparire davanti alla camera dei deputati quest’anno. La proposta di legge è ancora incompleta, ma i punti fondamentali prevedono un ribaltamento della decisione di escludere il gioco online dal Wire Act del 1961 e l’intervento dell’FBI per i sospetti che la legalizzazione del gioco online possa condurre a frodi, riciclaggio di denaro, terrorismo o al coinvolgimento nel gioco d’azzardo delle categorie dei giovani e vulnerabili.Adelson è uno dei più importanti finanziatori politici degli Stati Uniti e si ritiene che l’anno scorso abbia donato oltre 95 milioni di dollari. Con i suoi casinò terrestri a Macao e Singapore in ottimi affari, sarà in grado di continuare a introdurre denaro nelle sue manovre per indurre il governo federale a proibire i casinò online. Tuttavia, anche se questo è un anno di elezioni, è improbabile che la legge venga approvata dal momento che diversi stati sono desiderosi di legalizzare i casinò online.

Sheldon Adelson abbandona il progetto Eurovegas

Sheldon Adelson abbandona il progetto EurovegasÈ stato un duro colpo per la Spagna quando ha visto andare in fumo il progetto dei 22 miliardi di euro del magnate americano Sheldon Adelson e dei 260 000 posti di lavoro per fare di Madrid la capitale europea dell’intrattenimento. Il progetto è saltato a causa di problemi fiscali e delle leggi contro il fumo dei casinò terrestri. Sheldon Adelson, che è stato spesso nella capitale spagnola per cercare di convincere la comunità autonoma di Madrid ad essere più flessibile su questi due punti, ma senza successo, ha preferito gettare la spugna e volgere la sua attenzione all’Asia.

Giappone e Corea del Sud nel mirino di Adelson

Il milionario americano, che ha costruito la sua fortuna con i casinò di Las Vegas, Macao e Singapore, voleva fare di Madrid il centro principale del divertimento con 6 casinò e 12 hotel di lusso. Tuttavia questo progetto non si realizzerà e Sheldon Adelson preferisce investire in Asia, in particolare in due paesi dal forte potere di acquisto: Giappone e Corea del Sud. Occorre dire che questo professionista dei casinò ha una buona esperienza nel settore del gioco d’azzardo, soprattutto in Asia, dove il suo gruppo regna incontrastato a Macao (Venetian Casino, Four Seasons, Sands Cotai Central). L’Asia rappresenta un mercato in crescita con un futuro molto promettente e Sheldon Adelson ha preferito concentrarsi su questo mercato piuttosto che negoziare con il governo di Madrid su tasse e leggi contro il fumo.

Alcuni ritengono che la decisione sia un duro colpo per le finanze spagnole. Forse il progetto avrebbe attratto milioni di visitatori ogni anno e avrebbe potuto generare grandi profitti, senza considerare le centinaia di migliaia di posti di lavoro che avrebbero risollevato l’economia locale. L’impegno profuso si è rivelato inutile, Adelson ha interrotto i finanziamenti e ha annunciato l’abbandono del progetto, lungamente descritto dalla stampa nazionale e internazionale.

Sheldon Adelson contro il gioco d’azzardo online

Sheldon Adelson contro il gioco d'azzardo onlineMentre molti operatori di casinò terrestri si stanno impegnando per entrare nel mercato dei casinò online, per Sheldon Adelson, il direttore della Las Vegas Sands Corporation è vero l’esatto contrario. La posizione di Adelson sul gioco online lo contrappone a chi negli Stati Uniti sta spingendo affinché i casinò online divengano legali. Il miliardario proprietario di casinò non vuole che il futuro comprenda i casinò online, che egli considera una minaccia per la società.
La Las Vegas Sands Corporation è stata fondata nel 1988 e Sheldon Adelson ne è sempre stato il direttore generale. La sede dell’azienda è in Nevada ed essa gestisce il Venetian Casino e il Palazzo Casino Resort a Las Vegas, oltre al Sand Casino Resort in Pennsylvania. L’azienda è proprietaria anche di casinò di lusso in Asia attraverso la sua sussidiaria, Sands China. I complessi di casinò a Macao includono il Venetian Macau e il Sands Cotai Central. La Sands possiede anche il Marina Bay Casino Resort di Singapore. Inoltre Sheldon Adelson è coinvolto nella costruzione di Euro Vegas, il gigantesco resort che verrà edificato nei pressi di Madrid, in Spagna.Sheldon Adelson dice di opporsi al gioco online perché sarebbe una minaccia ai vulnerabili gruppi di società e potrebbe inoltre produrre effetti negativi sull’immagine tradizionale dei casinò. Adelson sta preparando una campagna per mostrare che il gioco online è pericoloso per le categorie più deboli, per i bambini e le persone vulnerabili perché facilmente accessibile. Adelson è sempre stato un importante donatore politico, ma le sue donazioni a varie campagne politiche l’anno scorso hanno superato qualunque record. Si ritiene abbia donato più di 95 milioni di dollari. I suoi piani includono l’impiego di esperti e lobbisti in diversi stati per sostenere la sua opposizione al gioco online. Egli progetta anche di dare vita a un’organizzazione, la “Coalizione per fermare il gioco d’azzardo online”, che coinvolgerà molti rappresentanti dei gruppi che potrebbero patire a causa del gioco online.

Chi si oppone alla visione di Adelson, compresi alcuni grossi operatori di casinò terrestri, afferma che spingere per un divieto contro il gioco online potrebbe portare alla crescita di un’industria non regolamentata e illegale. Tuttavia Sheldon Adelson si è schierato in favore di un ampio dibattito sulla questione per il 2014.

Madrid potrebbe perdere la gara per EuroVegas

Madrid potrebbe perdere la gara per Euro VegasDopo un’intensa competizione per aggiudicarsi l’EuroVegas di Sheldon Adelson tra le due città spagnole Madrid e Barcellona, il ricco contratto è andato alla capitale che avrebbe ospitato l’ampio complesso di casinò (vedi l’articolo: EuroVegas sarà costruita a Madrid). Si prevede che questo sfarzoso resort venga costruito in circa dieci anni e che i lavori comincino entro la fine dell’anno. Tuttavia, dal momento che alcune richieste avanzate dalla Las Vegas Sands Corporation di Sheldon Adelson devono ancora trovare risposta da parte delle autorità spagnole, ci sono ancora dei dubbi sul fatto che il progetto vada a buon fine.
Perdere un simile progetto di costruzione durante l’attuale crisi economica potrebbe rivelarsi un duro colpo alle speranze di recupero delle finanze spagnole. Si ritiene che la costruzione del casinò potrebbe portare quasi un 250 mila opportunità di lavoro.Uno degli ostacoli principali alla costruzione del resort riguarda la richiesta di Sheldon Adelson di permettere il fumo all’interno del complesso. L’anno scorso il capo del governo regionale di Madrid, Esperanza Aguirre, ha affermato che se Madrid fosse stata scelta al posto di Barcellona sarebbe stata disponibile a rimuovere il divieto di fumo nei locali pubblici per il casinò. Ora il presidente della regione, Ignacio Gonzalez, ha avvertito che Madrid potrebbe perdere l’intero complesso di casinò se non sarà rimosso il divieto di fumare imposto dal governo. Il ministero della salute spagnolo non ha al momento in programma modifiche alla legge anti fumo, ma ha affermato che l’argomento verrà discusso. Gli ultimi sviluppi vedono il governo spagnolo centrale propenso a permettere al governo regionale di gestire la questione autonomamente, con la possibilità di eludere il divieto di fumo in determinate situazioni. I sostenitori di EuroVegas sperano ovviamente che venga emesso un simile permesso.Oltre a perdere migliaia di posti di lavoro nel resort per il gioco d’azzardo, che prevede 6 casinò, 12 hotel, negozi, ristoranti, campi da golf e centri di intrattenimento, Madrid potrebbe anche perdere un possibile flusso di turisti, pari fino a 4 milioni di persone. Il divieto di fumo non è che uno dei problemi su cui il complesso si sta scontrando, a cui si aggiungono questioni finanziarie e legali che dovranno essere risolte prima dell’inizio dei lavori.

Sheldon Adelson si oppone ai casinò online

Sheldon Adelson si oppone ai casinò onlineSheldon Adelson, il direttore generale della Las Vegas Sands Corp, la più grossa azienda quotata in borsa dell’industria dei casinò, ha confermato la sua opposizione ai casinò online. Adelson, uno degli uomini più ricchi al mondo, esclude che una delle ragioni per la sua opposizione al gioco d’azzardo online sia il fatto che una legge in favore dei casinò in rete avrebbe degli effetti negativi sui casinò terrestri della sua azienda.
Invece la sua opposizione sarebbe basata non su motivi economici bensì sociali, dal momento che il gioco online sarebbe “l’oro degli sciocchi” e che senza un’applicazione più severa delle leggi esistenti contro i casinò online e un eventuale proibizione a livello federale del gioco online i giovani sarebbero posti in grave pericolo.La Las Vegas Sands Corporation gestisce casinò terrestri in Nevada, Pennsylvania, Singapore e Macao. L’azienda sta inoltre sviluppando un gigantesco resort a Madrid in Spagna, che sarà chiamato Euro Vegas e che al suo completamento comprenderà 6 casinò, alberghi, ristoranti e complessi per il divertimento (vedi l’articolo: EuroVegas in Spagna sarà completato nel 2022). In un recente articolo comparso su Forbes, Sheldon Adelson ha affermato che la concorrenza dei casinò online non riguarderebbe la sua azienda, dal momento che la maggior parte dei profitti del settore casinò provengono dalle operazioni svolte in Asia. Le attività della Las Vegas Sands negli Stati Uniti realizzano maggiori ricavi con gli intrattenimenti non legati al gioco piuttosto che con i casinò. Adelson ha inoltre detto che altre aziende di casinò senza la presenza globale della Las Vegas Sands Corp, i casinò delle piste da corsa e i casinò dei nativi americani verrebbero tutti danneggiati dalla crescita dei casinò in rete.Anche se l’azienda di Adelson è impegnato in Spagna con la costruzione di quello che sarà il più grande resort di casinò in Europa, i cui lavori inizieranno alla fine di quest’anno, egli ha affermato che gli effetti dei casinò online sul gioco d’azzardo in Europa può essere identficato con un calo del 20 per cento nell’affluenza dei casinò terrestri europei, in seguito a una legislazione che ammette il gioco online. Sebbene Adelson punti il dito verso la possibile perdita di occupazione nei casinò terrestri americani sulla base dei dati europei, egli insiste sul fatto che la sua raccomandazione di proibire i casinò online con nuove leggi federali, sia dovuta al fatto che secondo lui il gioco online sia una “piaga” sociale che affliggerà studenti e giovani giocatori.

Investimenti assicurati per EuroVegas: la costruzione partirà nel 2013

EuroVegas MadridCon il recente annuncio che Las Vegas Sands Corporation  di Sheldon Adelson ha trovato il capitale necessario per edificare il complesso EuroVegas alle porte di Madrid, i lavori per i primi resort sono potuti iniziare prima della fine dell’anno. Ci fu una dura lotta tra le città di Barcellona e Madrid per conquistare il favore di Sheldon Adelson.
Entrambe le città erano disposte a grosse concessioni per accaparrarsi Euro Vegas, soprattutto a causa di una tasso di disoccupazione in Spagna pari al 26 percento. Alla fine ad avere la meglio fu Madrid (vedi l’articolo: EuroVegas sarà costruita a Madrid).Nel frattempo Las Vegas Sands Corporation ha fatto sapere che garantirà il 35 percento dei 9.8 miliardi di euro necessari alla costruzione del complesso per il gioco d’azzardo. In tale recente annuncio la Sands Corporation ha affermato che il restante 65 percento arriverà dalle banche, compresi alcuni istituti spagnoli, aggiungendo che devono attendere la conclusione del processo di prestito prima di poter confermare alcun nome.Las Vegas Sands Corporation, di cui è proprietario Sheldon Adelson, possiede il Venetian Casino Resort e il Palazzo Casino Resort a Las Vegas. È a capo anche di enormi investimenti in Asia, dove ha il suo resort Venetian Macau Casino e il suo Marina Bay Casino Resort a Singapore. Nel realizzare i complessi a Macau e Singapore sono stati creati decine di migliaia di posti di lavoro. Si spera che ciò accada anche in Spagna, dove qualcuno ha predetto che, attraverso la costruzione del resort nei prossimi 18 anni e gli impieghi diretti e indiretti che offrirà io casinò una volta aperto, saranno stati creati quasi 250,000 posti di lavoro. Ci si aspetta anche che arriveranno in Spagna circa un milione di turisti da tutta Europa per visitare Euro Vegas e il nuovo terminale dell’aeroporto di Madrid coprirà appunto queste esigenze.

EuroVegas verrà edificata nella città di Alcorcon, appena fuori Madrid. Sarà uno degli edifici più grandi in Europa e coprirà quasi otto chilometri quadrati. Il primo piano dei quattro casinò dotati di albergo, sala giochi, ristoranti, campi da golf e intrattenimenti dovrebbe essere completata entro il 2017. Quando l’intero complesso sarà terminato ce ne saranno 12 di simili casinò. Ma non tutti sono felici di questo progetti e i detrattori affermano che il complesso porterà crimine organizzato, disturbi sociali e un aumento della dipendenza dal gioco d’azzardo.

EuroVegas in Spagna sarà completato nel 2022

Euro Vegas in Spagna sarà completato nel 2022Il progetto di costruire Euro Vegas in Spagna era stato avanzato dall’amministratore delegato dell’azienda Las Vegas Sands, Sheldon Adelson, nel 2011. Ne è seguito un anno durante il quale le città indicate come possibile sede per l’enorme complesso di casinò hanno rivaleggiato nel tentativo di accaparrarsi il progetto. Sia Barcellona che Madrid hanno tentato di modificare le leggi locali sul lavoro e le tasse per accontentare Sheldon Adelson. Entrambe le città speravano di portare a sé Euro Vegas insieme alle migliaia di posti di lavoro, 15 000 dei quali nella costruzione del complesso per l’intrattenimento. Questo, insieme all’attrazione di molti turisti, potrebbe contribuire positivamente all’economia locale, soprattutto considerando il fatto che in Spagna la disoccupazione è molto diffusa a causa della crisi economica.La città scelta dall’azienda di Adelson, Las Vegas Sands, è stata Madrid (vedi l’articolo Euro Vegas sarà costruita a Madrid). Il ministro dell’economia e della finanza del governo regionale ha recentemente annunciato che la costruzione di Euro Vegas richiederà circa dieci anni. Il complesso di casinò verrà edificato in tre fasi e quando nel 2022 sarà completato coprirà un’area pari a circa la metà di Las Vegas.
I lavori a cominceranno a Madrid verso la fine del 2013. Il complesso comprenderà 6 casinò, 12 hotel, teatri, aree d’intrattenimento, centri per conferenze, negozi e campi da golf. Si prevede che durante i prossimi dodici anni Euro Vegas offrirà circa 250 000 posti di lavoro.I cambiamenti fatti sulle leggi locali per accontentare le richieste di Sheldon Adelson hanno comportato che sia Madrid che Barcellona ammettessero delle eccezioni nel divieto di fumo e nelle tasse sui casinò, che in Spagna sono molto alte. Dal momento che è stata scelta Madrid, il governo regionale ha annunciato che le tasse sui casinò a Madrid scenderanno dall’attuale 45 percento a solo il 10 percento, vale sarà il nuovo minimo nazionale.

C’è anche la possibilità che Euro Vegas ottenga alcune esenzioni dalle regolamentazioni imposte ai casinò. Anche il governo centrale spagnolo modificherà alcune leggi per favorire Euro Vegas. Questi cambiamenti potrebbero permettere alle regioni di escludere alcune aziende dalle tasse locali concernenti costruzioni e proprietà. Si spera che il resort Euro Vegas incrementi il numero di turisti verso Madrid di 4 milioni di persone.

EuroVegas sarà costruita a Madrid

Euro Vegas sarà costruita a MadridDopo molti mesi di tensione e feroce competizione tra le città spagnole Madrid e Barcellona per attirare a sé il miliardario americano Sheldon Adelson e il suo progetto di mega casinò, Euro Vegas, la città prescelta è risultata essere Madrid.
Sheldon Adelson, presidente e amministratore delegato della Las Vegas Sand Corporation, l’ha annunciato di recente facendo molti complimenti a entrambe le città e ammettendo che decidersi per Madrid anziché Barcellona “non è stata una scelta facile”. Entrambe le città erano pronte a fare delle concessioni, ma Sheldon Adelson ha chiarito sin da subito che queste avrebbero dovuto riguardare il fumo nei casinò, le leggi sul lavoro e le leggi sul gioco d’azzardo. A un certo punto, la leader del governo regionale di Madrid, Esperanza Aguirre, ha detto che, se Madrid avesse avuto successo nell’attrarre Euro Vegas, avrebbe revocato il divieto di fumare nei casinò.
Uno degli ostacoli principali allo sviluppo di Euro Vegas potrebbe riguardare l’annuncio che la Las Vegas Sands Corporation coprirà solo il 35 percento dei costi di costruzione. Con la Spagna in profonda recessione potrebbe essere davvero difficile raccogliere il 65 percento necessario a coprire il resto del progetto. Il resort-casinò sarà grande circa quanto la metà della celebre area turistica di Las Vegas. Sarà costruito nel corso dei prossimi dieci anni e verrà suddiviso in dodici diverse aree. La costruzione del resort porterà circa 200 000 posti di lavoro nell’edilizia. L’intero casinò offrirà complessivamente 36 000 posti letto sparsi per dodici grandi hotel e il complesso includerà anche sei casinò. Questo progetto per il centro del gioco d’azzardo più grande d’Europa conta di aggiudicarsi tramite il gioco un terzo delle sue entrate. La Sands Corporation prevede di attrarre visitatori provenienti da Europa e Unione Sovietica.
Mentre si svolgeva un’aspra competizione per attrarre il resort-casinò di Euro Vegas in Spagna, all’interno del paese c’era anche una forte opposizione alla realizzazione di un simile progetto.
Se è vero che i casinò e gli alberghi porteranno molti posti di lavoro, gli oppositori del progetto dicono che si tratta di lavori a basso reddito. Alcuni politici affermano che il gioco d’azzardo potrebbe attrarre una notevole componente criminale. I vescovi spagnoli si sono detti preoccupati dal fatto che il resort-casinò potrebbe favorire l’aumento della dipendenza da gioco. C’è inoltre la questione legata a recenti indagini da parte delle autorità degli Stati Uniti sul coinvolgimento di transazioni illegali di denaro e l’infrazione di leggi anti-corruzione, ma la Sands Corporation ha sempre smentito tali accuse.