Blackjack

I principi generali del Blackjack

Il black-jack è un gioco di carte molto richiesto nei casinò online e terrestri. Il suo principio è basato sul calcolo dei punti delle carte ricevute. Per vincere, occorre fare un totale di 21 punti o avvicinarsi il più possibile. Al blackjack, tutte le carte numerate valgono il numero che vi è pubblicato mentre le carte con figure: J (jack), Q (queen) e K (king) valgono 10 punti ciascuno. L´Asso costituisce la sola eccezione poiché può valere 1 o 11 punti secondo la scelta del giocatore. Occorre sapere che l´avversario da battere al blackjack è il croupier e inoltre il casinò. Il tavolo del blackjack può accogliere sette giocatori e c’è una casella destinata a ricevere le scommesse dinanzi ad ogni posto. Ciascuna di queste caselle può accogliere la scommessa di tre giocatori diversi, però è il giocatore seduto che decide il modo di gestirli.

Il primo giro di carte

Prima della distribuzione delle carte, il giocatore deve mettere la sua scommessa nella casella destinata a questo scopo, in seguito il croupier distribuisce due carte a tutti i giocatori seduti, tra cui anche a se stesso. Tutte le carte distribuite sono visibili da tutti, eccetto una delle carte del croupier che rimane nascosta. Al blackjack americano, questa carta viene rivelata solo quando tutti i giocatori hanno finito di giocare mentre nella versione francese, è aperta, appena il primo giro di carte è terminato. Il primo giro riguarda il momento in cui le carte vengono distribuite, il croupier osserva quindi se un giocatore ha ottenuto il “blackjack”, un Asso e un Fante di colore nero, che fa un totale di 21 punti. Questo giocatore è quindi dichiarato vincente al primo giro ed è pagato seguendo il tasso di pagamento più elevato al blackjack. È solo al primo giro che il totale di 21 punti viene chiamato “blackjack”, altrimenti è solo un totale di 21 punti vincenti e ben pagati ma non quanto il “blackjack” che è pagato a 1,5 volte la scommessa. Le altre vincite sono pagate una volta la scommessa. Ogni tavolo comprende una tabella che informa il giocatore sulle condizioni minime o massime di scommesse accettate.

Le regole del blackjack relative alle puntate

Tutte le scommesse seguenti si svolgono dopo il primo giro spiegato in precedenza. Quando il giocatore riceve una coppia, gli è possibile procedere al split. Ciò vuol dire che può dividere le sue due carte per avere due nuove mani. Deve dunque mettere una scommessa equivalente alla prima sulla nuova mano creata. Il giocatore può anche tentare il lascia o raddoppia, il che significa che prende il rischio di estrarre una sola carta oltre a quella che ha già. Al blackjack americano, quest’ultima carta supplementare si rivela solo quando il croupier ha finito di giocare. Infine, c’e la scommessa: Assicurazione. Questa scommessa permette al giocatore di ridurre di metà la scommessa presente sul tavolo qualora la carta visibile del croupier sia un Asso, cosa che fa temere ad un blackjack.

Le regole da seguire nell’azione del gioco

Se le prime due carte ricevute non formano il “blackjack”, il gioco continua ed i giocatori devono decidere se vogliono rimanere o estrarre delle carte. Essendo lo scopo del gioco di avvicinarsi il più possibile a 21 punti, il giocatore deve estrarre le carte per provare a vincere. Può chiedere altrettante carte che desidera finché le carte che possiede non superano 21 altrimenti si dichiara perdente d´ufficio. Se ritiene che sia già abbastanza vicino al 21, può decidere di rimanere ed annuncia: “passe” per dire che non vuole altre carte. Il croupier gioca per ultimo e si pone anche lui nell’estrarre delle carte per avvicinarsi al 21, generalmente il croupier si ferma a 17 (imposto dal casinò) se non riesce a fare 21. Se il croupier supera il 21, allora tutti i giocatori restanti escono vincenti. Altrimenti, il vincitore sarà chi si avvicina il più possibile al 21 tra il croupier e il giocatore. Qualora totalizzino lo stesso numero, il colpo è nullo ed il giocatore riprende la sua scommessa.