Gli incassi del gioco d’azzardo a Macao in calo per la prima volta dal 2009

Worldcup FootballA giugno l’incasso lordo del gioco d’azzardo nei casinò di Macao era in calo per la prima volta da cinque anni. Il Gaming Inspection and Co-ordination Bureau di Macao ha rivelato che c’è stato una calo del 3,7 per cento negli introiti derivati dal gioco che il mese scorso ammontavano a 3,4 miliardi di dollari. Si tratta della prima riduzione degli incassi da quando ci fu quella del 17 per cento nel giugno del 2009. Era già stato detto che ci sarebbe stata una perdita di circa il quattro per cento a giugno a causa dei mondiali di calcio e che questi avrebbero avuto una ripercussione sui risultati dei casinò terrestri cinesi di Macao.

Due i fattori dietro il calo

Sebbene i mondiali possano essere certamente ritenuti colpevoli per un ristretto numero di forti giocatori in visita a Macao, la sola regione cinese in cui è consentito il gioco d’azzardo, c’è anche una seconda possibile ragione per la caduta degli incassi. Molti giocatori cinesi abituali sembrano tenere le distanze da Macao a causa delle gravi indagini sulla corruzione sulla corruzione in Cina. Il presidente cinese Xi Jinping sta mettendo in pratica misure anti-corruzione da due anni e questo, unitamente a una fase sfavorevole dell’economia cinese, sta avendo degli effetti sui soldi spesi dai forti giocatori nei casinò di Macao. I casinò dell’isola dipendono dai versamenti dei giocatori di grosso calibro per circa il 60 per cento dei loro incassi. Gli analisti avevano previsto che i mondiali di calcio avrebbero ridotto gli introiti dei casinò di Macao del 4-6 per cento poiché molti giocatori cinesi sarebbero stati impegnati a guardare le partite e avrebbero scommesso su queste anziché giocare ai classici giochi da casinò o alle slot machine.

Ripresa prevista dopo luglio

Anche se il calo del 3,7 per cento negli incassi lordi del gioco d’azzardo nei casinò può essere spiegato con gli eventi avuti luogo in Cina o con l’influenza dei mondiali, in precedenza a luglio alcuni analisti ritenevano che tali incassi cresceranno tra l’uno e il sei per cento nei prossimi mesi, cioè meno della metà di quanto annunciato nelle proiezioni precedenti. Ci si aspetta che i guadagni del gioco d’azzardo cresceranno di circa il due per cento ora che i mondiali si sono conclusi. Nel complesso, anche con un calo di poco meno del quattro per cento, gli incassi dei casinò di Macao superano quelli di Las Vegas di circa sette volte.

Macao cresce nel 2013 mentre Las Vegas resta a galla

Macao cresce nel 2013 mentre Las Vegas resta a gallaSebbene ci siano grandi differenze nell’effettivo ammontare degli incassi tra i casinò di Macao e quelli del Nevada confrontati tra loro, entrambe le celebri destinazioni per giocatori hanno visto una crescita nel corso dell’anno scorso. Contrariamente alle predizioni che indicavano la crescita dei casinò di Macao al 50 per cento, il dato reale negli incassi da gioco d’azzardo indica oltre il 18 e mezzo per cento di crescita negli incassi dei casinò rispetto al 2012.
I guadagni del gioco d’azzardo sono cioè cresciuti del 18,5 per cento tra dicembre dell’anno scorso e l’ultimo dicembre. Se però si confrontano gli oltre 4 miliardi di dollari portati in cassa  nel dicembre 2013 con l’intero incasso di Las Vegas per il 2012, Macao in un mese ha guadagnato quanto i due terzi dell’incasso annuale di Las Vegas.Gli incassi del gioco d’azzardo del Nevada sono cresciuti del 9,6 per cento nel corso dell’ultimo mese del 2013 in confronto allo stesso periodo del 2012. Sebbene ci siano stati dei cali negli incassi statali del gioco d’azzardo, si registra comunque una crescita in confronto alle più gravi perdite degli ultimi tre anni.
Con oltre 11 miliardi di dollari di incassi per tutto il 2013 – un aumento rispetto al 2012 – il Nevada è riuscito a tenersi a galla anche se l’incasso totale del 2013 è solo un quarto di quelli realizzati a Macao.
I casinò di Las Vegas affrontano la dura concorrenza dei casinò terrestri di altri stati, ma anche del gioco online che per il momento è stato legalizzato solo in Nevada, Delaware e New Jersey. Sebbene anche Macao lotti con una certa competizione da parte dei casinò di Singapore e vi siano progetti per la costruzione di casinò in Vietnam, Cambogia e Corea del Sud, è comunque il solo territorio cinese dove i casinò siano legali e attrae perciò l’enorme mercato cinese.

Navi casinò a Hong Kong: una competizione per i casinò di Macao?

Navi casinò a Hong Kong: una competizione per i casinò di Macao?Ogni sera otto navi casinò lasciano il porto di Hong Kong per raggiungere le acque internazionali dove i casinò presenti a bordo permettono ai passeggeri di giocare d’azzardo fino all’alba. Queste barche casinò stanno divenendo sempre più popolari e i giocatori che un tempo si sarebbero diretti a Macao per i suoi resort stanno scoprendo i vantaggi economici e il fascino di giocare su questi casinò galleggianti.
Nei primi sei mesi di quest’anno, oltre mezzo milione di clienti ha giocato su queste navi casinò, le quali hanno registrato un incremento nel numero di passeggeri di quasi il 10 per cento. Tuttavia sembra che i sei operatori di casinò di Macao non siano troppo preoccupati per la competizione rappresentata da questi casinò galleggianti. Essi tendono invece a considerarli un genere di esperienza del tutto differente, piuttosto che una minaccia ai casinò terrestri di Macao.
Macao è divenuta il principale centro del gioco d’azzardo al mondo, superando persino Las Vegas. La sola regione cinese dove sia consentito il gioco d’azzardo, gli introiti dei casinò di Macao hanno raggiunto lo scorso anno i 38 miliardi di dollari. Gli alberghi dei casinò terrestri di Macao sono quasi sempre al completo, per questa ragione gli operatori che li gestiscono tendono a vedere le navi casinò come un modo per alleggerire la pressione sulle proprie camere d’albergo. D’altro canto, poiché vi è una sostanziale differenza di prezzo tra gli alberghi di Macao, dove la domanda ha fatto salire i costi al punto che in media una camera costa circa 175 dollari a notte, e le cabine sui casinò galleggianti, che invece costano circa 50 dollari a notte.Un’altra ragione che spinge i visitatori provenienti dalla terraferma in Cina a giocare sulle navi casinò di Hong Kong, piuttosto che mettersi in viaggio per Macao, è il fatto che sulle navi non sia richiesto un visto. Inoltre alcuni clienti cinesi ritengono che il gioco d’azzardo sulle navi casinò sia sottoposto a meno controlli rispetto a quello operato nei casinò terrestri di Macao. Vi sono anche alcuni vantaggi per gli operatori di navi casinò, tra i quali compaiono Success Universe e Genting Hong Kong. I casinò galleggianti, infatti, non sono tenuti a pagare tasse sui propri incassi, mentre i casinò di Macao sono tassati al 39 per cento.

La famiglia Ho aprirà un casinò in Russia

Lawrence HoLa Russia è stata molto cauta nell’aprirsi al gioco d’azzardo nei casinò. Nel 2009 le autorità russe hanno indicato quattro aree dove si potesse esercitare il gioco, quattro zone piuttosto lontane dai centri urbani del paese che non stanno ancora operando a pieno regime. La regione di Primorye si trova nella Russia dell’est, a circa 50 chilometri da Vladivostok. Si dice che il governatore di Primorye abbia ricevuto richieste da cinque diverse nazioni per la costruzione di casinò nella regione e ora pare che la famiglia Ho sarà autorizzata a costruirne uno.Lawrence Ho, figlio del magnate di casinò di Macao Stanley Ho, ha di recente firmato un contratto per costruire un casinò nella regione di Primorye.
Lawrence Ho è il direttore generale di Melco Crown Entertainment Ltd, mentre è stata l’azienda di cui detiene una quota, la Summit Ascent Holdings, ad aver sottoscritto l’accordo per l’apertura del più recente resort casinò russo. L’ubicazione della zona destinata al gioco d’azzardo a Primorye è di particolare interesse per Lawrence Ho, poiché si trova vicino al confine tra Russia e Cina e mostra del potenziale per l’espansione nel gioco da casinò che potrebbe attrarre sia giocatori russi che cinesi. I voli dalla capitale cinese a Vladivostok sono più rapidi di quelli diretti a Macao, dove la famiglia Ho ha stabilito la sua attività attraendo molti forti giocatori cinesi.Macao, dove il padre di Lawrence Ho, Stanley Ho, ha detenuto il monopolio del gioco per molti anni, fino a che il mercato non si aprì a operatori di casinò stranieri, ha superato Las Vegas in termini di incasso e di affluenza di giocatori verso i suoi molti casinò.

 

Macao attrae giocatori da tutta l’Asia e ovviamente anche dalla Cina, essendo la sola regione cinese dove il gioco d’azzardo è permesso. L’azienda di Lawrence Ho spera che i suoi resort porteranno molti giocatori cinesi, tra cui i tanto attesi forti giocatori, oltre a giocatori russi. Si spera che il nuovo casinò di Primorye verrà aperto prima della fine del 2014.

MGM costruirà un casinò a Macao

MGM costruirà un casinò a MacaoMGM Cina, una sussidiaria della MGM che si trova a Las Vegas, ha da poco ottenuto il permesso di costruire un casinò a Macao. Sarà il secondo casinò del gruppo a Macao e verrà costruito nell’area di Cotai. É lì che MGM Cina ha aperto il suo primo casinò, il resort MGM Macau, nel 2007. Il nuovo casinò sarà la prima costruzione avviata dalla MGM in quattro anni, da quando venne edificato il resort CityCenter a Las Vegas.
Macao, che è una regione cinese ad amministrazione speciale, è divenuta la più importante area per il gioco d’azzardo al mondo, superando persino gli incassi di Las Vegas. Negli ultimi anni la crescita dell’industria del gioco è stata straordinaria, ma il governo cinese ha esercitato forte pressioni sulle autorità di Macao affinché diversificassero l’economia locale, che al momento si appoggia molto sulle entrate del gioco. Uno dei modi in cui ciò è stato attuato consiste nel limitare il numero di visti per Macao concesse ai giocatori provenienti dal resto della Cina (vedi l’articolo La crescita dei casinò di Macao legata ai visti per la Cina?). Allo stesso tempo c’è una grande competizione tra i sei operatori di casinò a Macao per ingrandire la propria quota di mercato. Come MGM, anche Wynn Resorts e Sands Corporation di Las Vegas gestiscono dei casinò a Macao.MGM possiede un’area di oltre 7 ettari nella zona di Cotai dove intende costruire il suo secondo casinò, ma deve attendere il permesso governativo definitivo prima di poter iniziare la costruzione. Si prevede che la costruzione del casinò da 2.5 miliardi di dollari richiederà fino a tre anni. Dal momento che Macao spera di diversificare le sue risorse economiche, il nuovo resort dedicherà l’ottantacinque percento della sua estensione ad attività non legate al gioco d’azzardo. Ci saranno oltre 1 500 camere d’albergo, negozi, strutture d’intrattenimento, ristoranti e inoltre il casinò comprenderà 2 500 slot machine e 500 tavoli da gioco.

Poiché il recente rallentamento dell’economia cinese si riflettuto sul numero di giocatori cinesi in viaggio verso Macao, c’è stato anche un conseguente rallentamento nelle entrate prodotto dai casinò della regione. Ciononostante gli incassi del gioco continuano a salire quasi ogni mese, ma non ai livelli spettacolari visti nel 2011. Oggi Macao incassa cinque volte quanto generato dal gioco d’azzardo a Las Vegas. Pertanto un secondo casinò della MGM non farà che aumentare questi incassi.